BLOG

Il recruiting? Sta diventando sempre più social

25 Set 2013, Posted by Agenzia Digitale Atman in Social Media

Il recruiting? Sta diventando sempre più social! Un dato che lo dimostra? Pare che il 78% dei professionisti HR si siano già rivolti a siti come LinkedIn per selezionare possibili collaboratori.
 
È quanto emerge dalla Social recruiting survey 2013, realizzata da Jobvite. Le previsioni prefigurano che il 94% delle aziende utilizza o utilizzerà nel breve tempo i social media per cercare personale e collaboratori. “Il recruiting sociale è ormai una pratica di assunzione universale” spiega Kimberly Kasper, Chief Marketing Officer di Jobvite.
 

social_recruiting
 

Consultando i profili sociali dei candidati sui social network più utilizzati è possibile comprenderne meglio la professionalità e le attitudini. Linkedin serve ai selezionatori per comprendere capacità professionali e competenze del candidato, mentre tramite gli altri social (principalmente tramite Facebook) si cerca di comprenderne il livello culturale.
 
Afferma ancora Kimberly Kasper tramite il blog di Jobvite: “Allo stesso tempo, con la costruzione e il mantenimento di pagine che riflettono la cultura aziendale, le società possono comunicare ed evangelizzare il loro “employment brand” in modo da costruire interesse anche tra i candidati che non sono attualmente in cerca di una nuova occupazione”.
 
I vantaggi per le aziende? Risparmio di denaro, di tempo, comunicazione del proprio valore, la possibilità di trovare candidati più qualificati o aumentare la loro capacità di attrarre candidati passivi.
 
Non solo belle notizie e opportunità, tuttavia. Infatti, il 42% dei selezionatori ha affermato di aver cambiato parere dopo aver visionato i profili social dei candidati. Il 47% dei selezionatori non apprezza foto di feste con bicchieri in mano o eccessivamente compromettenti. Un dato a cui fare particolarmente attenzione è il seguente: per il 61% dei recruiter hanno un forte peso gli errori grammaticali.
 
Un consiglio? Attenzione alle impostazioni sulla privacy 🙂

Post a comment