BLOG

Linkedin fa shopping di startup

30 Lug 2014, Posted by Agenzia Digitale Atman in Social Media, Web performance

Ultimamente Linkedin è attivo più che mai nel mercato. E’ del febbraio scorso, infatti, la notizia dell’acquisizione di Bright, startup che vuole migliorare l’incontro fra domanda e offerta di lavoro: essa individua in ogni Curriculum Vitae gli elementi che più si adattano a certi impieghi, così da ottimizzare la ricerca del lavoro pertinente.

Ora è la volta della startup Newsle, un servizio online da tre anni che consente agli utenti di importare i contatti più interessanti da Facebook (o da Linkedin stesso) ed eseguire una scansione del web per reperire articoli e post in cui questi soggetti vengono menzionati, così da prendere nota dei progressi lavorativi (e non) degli stessi. E’ prevista inoltre la ricezione di notifiche nel caso in cui tali persone vengano nominate su siti e blog. Oltre ad averne acquisito la piattaforma, LinkedIn ha rilevato anche il team di Newsle (fondatori inclusi), il quale continuerà a lavorare nel progetto pur tenendo conto però della nuova profonda integrazione con LinkedIn.

Il social network dei professionisti, però, non si ferma: è arrivato ora anche l’annuncio dell’acquisizione di Bizo, società di San Francisco specializzata nel digital marketing B2B. Fondata nel 2008, la società si caratterizza per l’offerta di prodotti e tecnologie per realizzare campagne display e programmi di social advertising destinati ad un target di professionisti; Bizo ha inoltre sviluppato una tecnologia che consente ai marketer B2B di individuare nuovi prospect e comunicare con loro tramite contenuti rilevanti. Il costo dell’operazione? Ben 175 milioni di dollari, versati per il 10% in azioni e per il 90% in contanti. L’obiettivo di LinkedIn, social network che conta circa 300 milioni di utenti nel mondo (di cui 7 in Italia), è quello di integrare le soluzioni B2B di Bizo con i prodotti di content marketing di LinkedIn stesso, così da diventare la più importante ed efficace piattaforma di comunicazione con il target dei professionisti.

Post a comment